Spirulina: lipidi e glucidi

0
326

Il contenuto di lipidi della spirulina varia tra il 7 al 10%; si tratta degli acidi grassi insaturi classificati sotto il nome di vitamina F. Sono considerati acidi grassi “buoni” perché normalizzano il livello di colesterolo, evitano la formazione di depositi di acidi grassi saturi nelle pareti vascolari, partecipano alla costituzione della guaina protettiva dei nervi (guaina mielinica) e garantiscono l’impermeabilità delle mucose e delle membrane cellulari in presenza di microbi e tossine…ecco perchè “il nutrizionista” lo propone tra i complementi alimentari.

Tra gli acidi grassi insaturi, l‘acido linoleico e l’acido linolenico sono particolarmente importanti poiché è la loro presenza che garantisce la produzione di prostaglandine, sostanze vitali per il sistema immunitario.

Tuttavia, i due acidi grassi vengono trasformati dapprima in un’altra forma lipidica insatura, l’acido gamma-linolenico, poi in prostaglandine.

L’acido precursore è spesso presente in quantità insufficienti nei soggetti debilitati a causa delle carenze che ne impediscono la produzione.

Affinché l’organismo possa rimediare a questa produzione insufficiente, è necessario saltare questa tappa e fornire direttamente l’acido gamma linolenico. Le fonti di questo acido sono rare, ma se ne trova molto nell’olio di enotera, di borragine e nella spirulina, che ne è la fonte più abbondante.

Glucidi

I glucidi costituiscono il 10-15% del peso della spirulina, sono facilmente assimilabili e non affaticano il pancreas.

VN:F [1.9.22_1171]

Quanto ti e` stato utile questo articolo?

Rating: 0.0/10 (0 votes cast)

lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here