Prevenzione: la curcuma

0
296

“il nutrizionista” fa introspezione nel mondo delle spezie, trattando la curcuma: è una polvere dal colore giallo intenso ottenuto dalla frantumazione del rizoma di una pianta tropicale della famiglia dello zenzero, la Curcuma longa, che cresce prevalentemente in India e Indonesia.

In questi paesi,  e soprattutto l’India, è una spezia sacra e ha sempre occupato un posto importante nelle tradizioni sociali, culinarie e medicinali.

In effetti nessun altro alimento di cui abbiamo precedentemente parlato è così strettamente associato alla cultura di un solo paese. Ancora oggi la curcuma fa parte dell’alimentazione quotidiana degli indiani, che ne consumano in media 1,5-2 g al giorno.

Per contro, anche se in Europa è conosciuta da molto tempo, la curcuma non è mai entrata a far parte delle tradizioni culinarie e medicinali europee.

Veniva apprezzata soprattutto per il suo colore; i greci la utilizzavano per tingere le vesti e i pittori del Medioevo se ne servivano per ottenere un bel verde mescolandola all’indaco.

Ancor oggi, la curcuma resta una spezia relativamente sconosciuta nei nostri paesi, se non sotto il nome un po’ provocatorio di “E100”, il colorante alimentare che conferisce il colore giallo alla senape.

Poiché il contenuto di curcuma nella senape è circa di 50 mg ogni 100 g, significa che dovremmo consumarne circa 4 kg al giorno per ottenere lo stesso apporto di curcuma degli indiani!

VN:F [1.9.22_1171]

Quanto ti e` stato utile questo articolo?

Rating: 0.0/10 (0 votes cast)

lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here