Prevenzione: “il nutrizionista” e gli integratori alimentari

2
331

Alcuni di voi, presa coscienza del ruolo essenziale delle sostanze fitochimiche nella prevenzione del cancro, avranno come prima reazione non quella di modificare le abitudini alimentari, per includere gli alimenti che forniscono queste sostanze, ma piuttosto di vedere se queste molecole sono disponibili sotto forma di integratori.

In Occidente ne abbiamo sviluppato un vero e proprio culto, al punto che molti preferiscono assumere compresse di vitamina C piuttosto che mangiare le arance. È una situazione completamente assurda, dato che viviamo in un’epoca d’abbondanza alimentare senza precedenti, dove è possibile approvvigionarsi di frutta e verdura durante tutto l’anno, a costi decisamente ragionevoli.

Ciò nonostante, ovunque in Occidente, il consumo di frutta e verdura resta ancora basso, mentre al contrario la vendita di integratori vitaminici è in costante aumento e solo negli Stati Uniti nel 2001 corrispondeva a più di 12 miliardi di dollari. Gli integratori sembrano dunque essere diventati un componente essenziale del regime alimentare moderno, a scapito sfortunatamente del consumo di frutta e verdura.

Si tratta di una situazione riprovevole, perché ormai è confermato che molti benefici attribuiti al consumo di frutta e verdura non possono essere spiegati solo dall’apporto di vitamine

Nel caso della prevenzione del cancro, per esempio, le vitamine giocano un ruolo decisamente minore, molto meno importante di quello svolto dalle sostanze fitochimiche.

Evidentemente, l’industria reagisce a questa tendenza isolando le principali sostanze fitochimiche attive e commercializzandole sotto forma di integratori. Esiste già una quantità innumerevole di prodotti che contengono molecole del tipo acido ellagico, curcumina, antocianidine, proantocianidine isoflavoni, 13C, sulforafano, le quali possono facilmente essere acquistate su internet, per esempio, dove vengono vendute sulla base del loro potenziale antitumorale.

Tentare di riassumere le proprietà benefiche di frutta e verdura in un unico composto fitochimico non è solo riduttivo ma anche totalmente illogico. Non si può ridurre i broccoli al solo contenuto di sulforafano, così come non possiamo ridurre i benefici dei lamponi alla sola presenza di acido ellagico.

I vegetali hanno sviluppato almeno 20000 diverse molecole fitochimiche per difendersi e restare in salute ed è certo che tutte insieme giocano un ruolo importante per mantenere l’equilibrio cellulare nelle piante.

Un solo pasto può contenere migliaia di sostanze fitochimiche ed è completamente illusorio pensare di poter sostituire fonti alimentari così importanti come la frutta e la verdura con delle molecole in pastiglia.

Al di là delle considerazioni filosofiche, esistono parecchie ragioni pratiche (senza parlare di quelle economiche) per evitare questi preparati sintetici, soprattutto per quanto riguarda le sostanze fitochimiche.

VN:F [1.9.22_1171]

Quanto ti e` stato utile questo articolo?

Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
Prevenzione: "il nutrizionista" e gli integratori alimentari, 10.0 out of 10 based on 1 rating

2 COMMENTS

  1. Quanto sopra scritto è giustissimo. Però se una persona con pataologia che preclude l’assunzione di detereminati cibi che fa? Es.: il sottoscritto ha il reflusso gastro con ernia iatale per cui non può prendere agrumi ( : vit. C) e pomodori (: licopene). Devo o no, secondo voi, ricorrere agli integratori? Mi potete far saper il VS. parere in merito? Grazie. Distinti saluti

  2. Condizioni patologiche quasi autorizzano al ricorso agli integratori a patto che siano presi nelle giuste dosi e non prima di aver analizzato un pò gli alimenti…Per il suo reflusso le consiglio di mangiare il finocchio prima di ogni pasto, è un vero toccasana! quanto alle carenze vitaminche non dimentichiamo che le verdure contengono molte vitamine, sempre che non le “rompiamo” con la cottura..e poi dimentichi i kiwi o magari una bella tisana di olivello spinoso, ricchissimo di vitamina C, non tralasciando le alghe marine, ottimo alimento!
    mi tenga informato

lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here