Prevenzione: frutti di bosco, “il nutrizionista” descrive le antocianidine

0
567

Responsabile delle preziose proprietà antiossidanti dei frutti di bosco, dal nome quasi impronunciabile…”il nutrizionista” descrive le antocianidine.Le antocianidine sono una classe di polifenoli responsabili della colorazione rossa, rosa, malva, arancio e blu di molti frutti  e fiori. Questi pigmenti sono particolarmente abbondanti nei frutti di bosco, soprattutto nei lamponi e nei mirtilli; questi ultimi possono contenere fino a 500 mg ogni 100 g.

L’apporto quotidiano di antocianidine può raggiungere i 200 mg tra chi consuma grandi quantità di frutta, cosa che li rende uno dei polifenoli maggiormente consumati.

La forte presenza di antocianidine, oltre che di proantocianidine sarebbe responsabile del grande potenziale antiossidante di questi frutti. Come si può vedere in tabella, tra tutti i frutti analizzati, i mirtilli neri sono quelli dotati di maggiore attività antiossidante, seguiti da vicino da lamponi, fragole e mirtilli rossi, che distanziano di molto la maggior parte della frutta e della verdura.

Come abbiamo menzionato, non è stato chiaramente stabilito a che punto le proprietà antiossidanti degli alimenti giochino un ruolo nell prevenzione dello sviluppo dei tumori. In effetti, parecchi dati suggeriscono che le antocianidine, oltre ad essere delle molecole antiossidanti, potrebbero avere un impatto molto più ampio sullo sviluppo del cancro.

Per esempio, l’aggiunta di diverse antocianidine a cellule tumorali isolate coltivate in laboratorio causa diversi fenomeni, tra cui l’arresto della sintesi di DNA e quindi della crescita cellulare, portandole alla morte per apoptosi.

Le antocianidine sarebbero inoltre in grado di inibire l’angiogenesi. Si è scoperto infatti, che un’antocianidina presente nei mirtilli neri, la delfinidina, è in grado di inibire l’attività del recettore del VEGF associato allo sviluppo dell’angiogenesi e questo a concentrazioni che possono essere ottenute tramite l’alimentazione.

È interessante notare che quest’attività è senza dubbio indipendente dal carattere antiossidante della delfinedina, poiché una molecola molto simile rintracciata in grandi quantità nei mirtilli, la malvidina, possiede attività antiossidante identica a quella della delfinidina, ma non mostra alcuna attitudine a interferire con questo recettore.

VN:F [1.9.22_1171]

Quanto ti e` stato utile questo articolo?

Rating: 8.5/10 (2 votes cast)
Prevenzione: frutti di bosco, "il nutrizionista" descrive le antocianidine, 8.5 out of 10 based on 2 ratings

lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here