Melassa nera. Un residuo denso ricco di vitamine e aminoacidi

1
485
melassa nera

La melassa nera è un complemento alimentare che proviene dalla lavorazione della canna da zucchero. Questa pianta, che può raggiungere 5 m di altezza, cresce nelle regioni tropicali. La canna da zucchero assomiglia al bambù, con il suo lungo gambo ovale intervallato ogni 30 cm da un nodo da cui si diramano foglie allungate e affilate. A differenza del bambù il suo gambo è ricco di zucchero (saccarosio), che rappresenta il 16-20% del suo peso.

Melassa nera: “canna che produce miele senza l’aiuto delle api”.

Nell’antichità le qualità dolcificanti della canna da zucchero erano ben note, in particolar modo  dai persiani che ne estraevano già il dolcificante. D’altronde è in Persia che Alessandro Magno scoprì l’esistenza della canna da zucchero, che definì come una “canna che produce miele senza l’aiuto delle api”.

In quell’epoca il miele era il prodotto più dolce che si conoscesse, il “nettare delle api”. Con lo sviluppo delle tecniche di estrazione, però, il miele finì per essere sostituito dallo zucchero raffinato.

Per estrarre lo zucchero si priva delle foglie il gambo della canna da zucchero e lo si taglia a pezzi, che vengono poi schiacciati e pressati per farne uscire il succo.

È nel succo che si trova la sostanza dolcificante e un gran numero di nutrienti: sali minerali, vitamine e aminoacidi.

Melassa nera: da una semplice estrazione

Il succo, una volta estratto, può essere trattato in due modi. La componente liquida può essere fatta evaporare ottenendo un prodotto solido: lo zucchero integrale nel vero significato del termine.

Non è ancora stato raffinato e, a eccezione dell’acqua, contiene ancora tutti i nutrienti presenti nella canna da zucchero. Questo zucchero, il migliore che si possa utilizzare, è di colore marrone e possiede il sapore caratteristico della canna da zucchero.

Nel secondo procedimento il succo viene riscaldato affinché lo zucchero si cristallizzi e si separi dal resto del composto. Quest’ultimo è un liquido nero denso, dalla consistenza simile a uno sciroppo e dal colore molto scuro poiché contiene tutti gli elementi non cristallizzabili, quali le sostanze aromatiche e i coloranti, gli enzimi, i minerali, le vitamine e gli aminoacidi.

Lo zucchero così ottenuto non è più integrale; ha un colore più chiaro e più attraente. Inoltre si conserva meglio e ha un gusto meno deciso. È lo zucchero grezzo. Il residuo denso e scuro che si ottiene con questo procedimento è la melassa nera.

Melassa nera: un vero complemento alimentare

Si tratta della parte in cui si trovano concentrati, durante l’estrazione, i principi nutritivi del succo della canna da zucchero. Sono questi ultimi che fanno della melassa nera un complemento alimentare di alta qualità.

Lo zucchero grezzo che deriva da questa separazione è quindi molto povero di nutrienti poiché sono rimasti nella melassa nera. Lo zucchero integrale, invece, ne è particolarmente ricco poiché contiene entrambi gli elementi.

Lo zucchero integrale e la melassa nera hanno più o meno lo stesso contenuto di Sali minerali e vitamine. Si potrebbe pensare che i due complementi possono essere intercambiabili per rimediare alle carenze dell’organismo, ma non è così.

La melassa nera apporta i suoi elementi nutritivi in forma concentrata e con una quantità di zucchero nettamente inferiore rispetto allo zucchero integrale. La melassa è quindi più indicata per un consumo regolare e abbondante com’è richiesto nel corso di una cura.

La melassa nera non deve essere confusa con la melassa comune, la quale generalmente è sciroppo di glucosio ottenuto a partire da amidi (quali l’amido di patata) con l’aggiunta di zucchero caramellato che le conferisce il gusto e la colorazione caratteristici della preparazione.

VN:F [1.9.22_1171]

Quanto ti e` stato utile questo articolo?

Rating: 8.0/10 (2 votes cast)
Melassa nera. Un residuo denso ricco di vitamine e aminoacidi, 8.0 out of 10 based on 2 ratings

1 COMMENT

lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here