Le erbe: preparazioni e rimedi naturali…per uso interno

1
254

Le erbe possono essere utilizzate per preparazioni e vari rimedi naturali, ma alcuni, per esempio la preparazione di una crema per il viso, sono troppo complessi per essere effettuati in casa. Invece infusi e decotti (le notissime tisane), tinture, vini medicati, polpe e succhi, cataplasmi e compresse, lozioni e oli medicinali, quelli che possiamo definire rimedi naturali, si possono facilmente preparare con l’attrezzatura casalinga. Alcune preparazioni vanno bevute(uso interno), altre applicate sulle parti interessate (uso esterno), tuttavia ce ne sono parecchie che si possono adibire ad entrambi gli usi.

 

Decotto:

di solito si prepara con radici, cortecce, semi e altre parti dure che non soffrono per l’ebollizione cui sono sottoposti. Si mette la dose indicata di erbe nella quantità indicata di acqua bollente o fredda e si fa bollire, coperto e a fuoco moderato, per il tempo indicato (dai 10 ai 20 min). Se si usa acqua fredda il decotto risulta più carico, se si usa acqua calda risulta più leggero. 

 Si filtra e si beve caldo o tiepido, mai bollente o freddo. Se il sapore non è gradito, si può dolcificare con miele. I decotti possono essere anche usati per bagni totali o parziali e per imbevere compresse da applicare sulle parti interessate. Vanno di solito consumati subito perché altrimenti perdono i principi attivi, solo in via eccezionale si conservano per qualche ora fuori frigo e per 24 h in frigo.

Infuso:

di solito si prepara con gemme, foglie, fiori. Si versa acqua bollente sulle erbe, si copre e si lascia in infusione per un tempo che varia da 5 a 10 min secondo ricetta (la preparazione del tè è un infusione). Si filtra e si beve caldo e tiepido, mai bollente o freddo. Se il sapore non è gradito si può dolcificare col miele. Gli infusi possono essere inoltre usati per bagni totali o parziali e per imbevere compresse da applicare sulle parti interessate. Vanno di solito consumati subito perché altrimenti perdono i principi attivi, solo in via eccezionale si conservano per qualche ora fuori frigo e per 24 h in frigo.

Tisana:

si tratta di un infuso o un decotto molto diluito che conserva i principi benefici ma è in genere molto più gradevole da bere.

Tintura:

si mette a macerare l’erba in alcol del tipo per liquori avente la gradazione indicata nella ricetta e per il periodo indicato nella ricetta. Si filtra e si conserva in bottigliette di vetro scuro in luogo fresco e buio. È bene non preparare grandi quantità: al max 25cc, cioè ¼ di litro. le tinture si consumano a piccole dosi, gocce o cucchiaini; possono anche essere frizionate sulla pelle con una garza o un batuffolo di cotone.

Tintura vinosa o vino medicato:

si mette a macerare l’erba in vino bianco o rosso di buona gradazione, Marsala e Porto compresi, per il periodo indicato dalla ricetta. Si filtra prima di bere. Le tinture vinose si consumano a cucchiai o bicchierini da liquori e si possono conservare per parecchi mesi. Se dopo qualche tempo si nota sul fondo della bottiglia un po’ di deposito, si filtra il preparato; l’operazione può essere ripetuta unpaio di volte, non di più; se il deposito si ripresenta, la tintura va gettata.

  

VN:F [1.9.22_1171]

Quanto ti e` stato utile questo articolo?

Rating: 0.0/10 (0 votes cast)

1 COMMENT

lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here