L’ impedenziometro e l’analisi impedenziometrica

4
2429

L’analisi impedenziometrica è un’analisi che completa la semplice lettura dell’ago della bilancia .
L’incontro fatidico con la bilancia ed il suo responso, specie dopo un pranzo domenicale, dopo un periodo d’allenamento, dopo una dieta può risultare anomalo e non privo di risvolti psicologici!!!
Si tende a pesarsi per valutare quanto siamo dimagriti , ma siamo sicuri che quella sia una stima reale e rappresentativa? E magari ne usciamo anche sorridenti poiché l’ago è indietreggiato di 3 kg … ma cosa abbiamo “perso”? siamo sicuri che la nostra dieta ci stia portando verso la direzione prescelta?
L’impedenziometria o analisi tricompartimentale qualitativa differisce dalle altre analisi, tipo la plicometria, poiché considera diversi parametri del paziente: sesso, altezza, età, peso, resistenza e reattanza da cui è possibile ricavare parametri quali Massa Grassa (FM) e Massa Magra (FFM), quest’ultima suddivisa in Massa Cellulare (BCM) e Massa Extracellulare (ECM): il corpo umano risulta scomposto in tre compartimenti FFM BCM e ECM.

Impedenziometro su Amazon

Nella pratica il paziente dev’essere sdraiato supino, gambe leggermente divaricate ad un angolo 30-45°, braccia lungo i fianchi, staccate dal busto alle cui estremità di gambe e braccia corrispondenti vengono collegati 4 elettrodi .
Una micro corrente, la cui intensità non è avvertibile, verrà fatta passare alle estremità del paziente, calcolando in modo diretto i valori che poi verranno sviluppati da un software che ci fornirà una serie di dati e che renderanno controllabile nel tempo la fisiologia del paziente o dell’atleta.

Cosa si ottiene dall’analisi tricompartimentale?
 BCM o massa cellulare
 TBW o acqua totale
 ECW o acqua extracellulare
 ICW o acqua intracellulare
 BMR o metabolismo basale
 PA o angolo di fase
 Na/K scambio sodio potassio
 ECM / BCM
 BMI ( rapporto peso – altezza2 )
 BCMI (rapporto massa cellulare- altezza 2)
Il tutto corredato ad un’elevata affidabilità. Rispetto ai metodi clinici utilizzati per valutare i suddetti parametri o i suddetti compartimenti del corpo esiste una correlazione elevatissima

Per poter comprendere la funzionalità dell’impedenziometro nel determinare lo stato fisiologico-nutrizionale tramite un’analisi della composizione corporea occorre precisare:
• La totalità dei processi biochimici nell’organismo umano (nutrizione, assimilazione, respirazione, digestione, assorbimento ed escrezione) sono riassunti nel metabolismo.
• Il bilancio idrico è strettamente correlato al metabolismo e viene mantenuto in equilibrio attraverso la regolazione osmotica.

• Il corpo umano è costituito per due terzi da fluidi suddivisi nei compartimenti extra (ECW) e intracellulari (ICW) se si trova in condizioni di normopeso
• Uno stato di idratazione normale e bilanciata è la prima condizione per un corretto metabolismo.

Il valore di normalità per l’acqua corporea totale (TBW) varia tra il 60-70% del peso corporeo normale (ossia è una norma applicabile solo ai soggetti normopeso). Notevoli differenze si riscontrano in soggetti atleti

Indipendentemente dal normotipo la maggior parte della TBW (ca. 73%) è contenuta nella Massa Magra.
Dalla stima dell’acqua totale (TBW) non si riesce a classificare un corpo nel corretto stato di idratazione così pure la ripartizione dei fluidi corporei negli spazi intra ed extra cellulari (ECW/ICW; ECW%).
La normo idratazione è presente solo se la Massa Magra (FFM) contiene la corretta quantità di fluidi, identificata con un coefficiente prossimo al 73%

La distribuzione dei fluidi negli spazi intra/extra cellulare può indicare solo anomalie ma non è in grado di classificare il reale stato di idratazione.(Ipo-Normo-Iper)

Le cellule sono la base di ogni organismo vivente; in corpo umano se ne contano nell’ordine di alcuni trilioni, delimitate da membrane semipermeabili che ne consentono uno scambio di ioni disciolti nell’acqua (intracellulare) che ne rappresenta il 90% del peso
• La massa cellulare (BCM) è responsabile di funzioni vitali fondamentali quali lo scambio di ossigeno, la fornitura di potassio ai tessuti e l’ossidazione del glucosio.
• La massa grassa (FM) è composta da lipidi, grasso essenziale e tessuto adiposo.
La Massa Grassa è un peggior conduttore rispetto alla Massa Magra, dato il minor contenuto di fluidi conseguentemente meno conduttrice per cui l’impedenziometro NON è un misuratore di Massa Grassa !!!
Ipotizzando uno stato di idratazione costante della massa magra del 73%, si può calcolare la Massa Magra FFM dalla stima dell’acqua totale (FFM= TBW/0,73) poi successivamente la massa grassa viene ottenuta per differenza dal peso corporeo (FM = PESO – FFM).

Credete che “dietro la bilancia ci sia una tecnologia del genere?
Impostare quindi un’analisi di composizione corporea sulla sola massa grassa, ai solo due minuti della misurazione alla bilancia e pensando che l’unica cosa a variare è il grasso non è utile ed è addirittura fuorviante!!!

Logiche di costume o di mode del momento ci allontanano dalla realtà poco relazionabili con gli aspetti scientifici.

VN:F [1.9.22_1171]

Quanto ti e` stato utile questo articolo?

Rating: 7.6/10 (37 votes cast)
L' impedenziometro e l'analisi impedenziometrica, 7.6 out of 10 based on 37 ratings

4 COMMENTS

  1. Salve, mi congratulo con lei per gli interessanti post che scrive. Su questo le volevo proprio chiedere: tramite questo test che andrò a fare, il nutrizionista saprà dirmi se necessito di qualche integrazione?
    Perchè leggendo un post prima di questo lei dice che essendo quasi impossibile assimilare tutte le vitamine e i minerali, necessitiamo di un integratore. Per questo mi è nata questa domanda.
    Grazie per la risposta. Buon lavoro.

  2. Salve Marco
    attraverso la visita impedenziometrica non riesce a capire il livello di micronutrizione ( minerali e vitamine ). Per quello esistono delle apposite analisi.
    a presto

  3. salve!! ho letto il suo articolo dop aver effettuato una specie di analisi di impedenza questa mattina in farmacia. premetto che l ho effettuata stringendo tra le mani due manipoli e stando in piedi completamente vestita. comunque i dati sono: peso 80kg, 59kg massa magra, 22kg massa grassa, 43kg di acqua…..la dott.ssa mi ha detto che i valori in % della massa magra vanno bene perché è il 73% compreso tra 60 e 80. la % della grassa va ugualmente bene perché è 27% compresa tra 20 e 30……ma mi ha detto che ho parecchia ritenzione idrica perché il mio valore TBW è 43 (?) invece dovrebbe essere 30 (?)….. può spiegarmi meglio quest’ultima parte?! la ringrazio in anticipo e la saluto

  4. La dottoressa le ha, correttamente, detto che lei ha una forte ritenzione idrica. Per spiegarle semplicemente, il liquido intracellulare e quello extracellulare devono essere in equilibrio. Quando si ha una certa ritenzione idrica questo equilibrio si rovina.

    Ma non ci soffermiamo troppo sulla teoria e le spiegazioni impedenziometriche. Passiamo alla pratica e ai consigli che dovrebbe seguire:

    1) Riduca al minimo il sale da cucina ( se lo elimina è meglio )
    2) Beva acqua con un basso residuo fisso ( più basso è e meglio è )
    3) Mangi verdura cruda ad ogni pasto e frutta lontana dai pasti.

    a presto

lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here