“il nutrizionista” consiglia, scheda botanica: ALTAEA officinalis L.

0
287

NOMI POPOLARI

Bismalva, bonavise, buonvisco, canapa selvatica, malva selvaja, malva vischio, malvaccioni, malvarina, malvarose, malvaveste, malvone, pramariscu.

ALTEA MALVACEE

 

NON COMMESTIBILE – SELVATICA – COLTIVABILE

DOVE CRESCE

Un po’ dovunque, nei luoghi umidi ma soleggiati.

COME SI COLTIVA

Viene spesso coltivata anche come pianta ornamentale. Si semina in estate e si trapianta in autunno, in terreno ricco, lavorato in profondità e ben concimato. Si moltiplica anche per talea. Richiede innaffiature frequenti e posizione soleggiata.

COME SI RICONOSCE

Ha fusto eretto e vellutato, a portamento cespuglioso, e può arrivare a un metro e mezzo di altezza; le larghe foglie tondeggianti o triangolari, verdi biancastre, sono coperte di peli; i fiori bianchi o rosa sono inseriti all’ascella delle foglie superiori (giugno-settembre).

QUALI PARTI SI USANO

Le radici, le foglie e i fiori.

QUANDO SI RACCOGLIE

Le radici al secondo anno di vita della pianta, da settembre a marzo le foglie in giugno, prima della fioritura, assieme al picciolo; i fiori all’inizio della fioritura.

COME SI CONSERVA

Le radici, decorticate e tagliate a pezzetti, si fanno essiccare all’ombra o in forno moderato; le foglie e i fiori si fanno essiccare all’ombra in luogo areato. Si conservano poi in vaso di vetro, in luogo buio, fresco e asciutto.

Le proprietà dell’ALTEA

È decongestionante ed emolliente, facilita l’espulsione del catarro dai bronchi (è presente in molti sciroppi contro la tosse, di soli associata alla liquirizia); è anche leggermente lassativa e ricca di vitamina C.

VN:F [1.9.22_1171]

Quanto ti e` stato utile questo articolo?

Rating: 0.0/10 (0 votes cast)

lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here