Dieta di Federer, la dieta di Roger…la dieta del Re

0
7
dieta di federer

Come fa un campione a diventar tale, quali i passi da seguire? Qual è la sua strategia, qual è la dieta di Federer? Ottavo Winbledon, a quasi 36 primavere, domina sia fisicamente sia psicologicamente l’incontro. Cilic non può che sottostare al campione svizzero.

Nessun set perso, il più blasonato e vecchio del torneo più prestigioso al mondo. Già vittorioso altre sette volte (2003, 2004,2005,2006,2007,2009,2012) e arrivato secondo nel 2008,2014 e 2015 dimostra di meritare il terzo posto del ranking mondiale, grazie a cinque tornei vinti in soli sei mesi e mezzo e, soprattutto, dopo un infortunio che lo aveva provato sia fisicamente sia psicologicamente.

Questi sono solo alcuni numeri del tennista più forte di tutti i tempi, che, dopo esser uscito dalla top ten mondiale, dopo non aver vinto nessun titolo nel 2016, risale la china fino a far parlare ancora di se, ed in modo stupefacente!

Quali sono le strategie di un campione di questa leva, quali le sue scelte, come si fa ad emularlo?

Beh di sicuro la genetica la fa da padrona ma non è la sola. In uno sport, quale il tennis, dove il match si gioca in tempi anche molto lunghi, è importante lavorare molto di testa. È importante che i nervi siano saldi e la concentrazione sempre ai massimi livelli.

In tutto ciò l’alimentazione conta qualcosa? Qual è la dieta di Roger Federer?

Il campione dichiara di essere fortunato, di non aver mai dato molta attenzione a ciò che mangia a patto che non si appesantisca molto. Beh, non vuole dichiarare il segreto.

Afferma che il tennis è cambiato, è molto più veloce, ritmi molto più estenuanti, per questo non crede che bisogni aumentare la massa muscolare, positiva da un lato ma limitante per un gioco veloce come piace a lui.

Il suo lavoro è volto a ridurre al minimo gli infortuni, motivo di esclusioni e rese mediocri. Il suo entourage lavora, quindi, quotidianamente nel rispettare i tempi del campione, ascoltare il suo corpo e le sue esigenze al fine di attingere al massimo del suo potenziale.

Ritornando alla dieta di Federer, non trapelano informazioni in merito ma da specialista posso solo immaginare che, per mantenere un fisico agile e tonico come il suo, debba ottimizzare al meglio i tempi tra allenamenti, trasferte e riposi…la cosa più complessa che ci sia.

dieta di Federer: Partiamo dalla colazione

Considerare questo pasto come principale e, per un tennista, un must.

Latte, muesli, cereali integrali, yogurt greco, uova, bresaola, sono delle scelte possibili. Occorre fornire al corpo dell’agonista una buona riserva di energia, associando ottime fonti proteiche.

Consiglierei di integrare con multivitaminici, aminoacidi ramificati, vitamina D e Omega 3

dieta di Federer: Spuntino

Una buona fonte di carboidrati, a scelta tra quelli a lento e rapido rilascio, in funzione degli allenamenti, associata ad una buona fonte proteica. In tal caso Gli integratori da mescolare sono rapidi ed essenziali.

dieta di Federer: Pranzo

Bisogna rifornirsi di carboidrati, in caso di allenamenti intensi. Stavolta quelli a lento per non consentire un immediato innalzamento dell’insulina.

Verdure, sia cotte, sia crude, in base al livello di tolleranza dell’atleta.

Una fonte proteica tra carne o pesce

dieta di Federer: Merenda

In base al tipo di giornata, potrebbe variare dal semplice frutto o yogurt o un beverone di maltodestrine con aggiunta di aminoacidi ramificati. Un frutto

dieta di Federer: Cena

Pasto leggero, verdura fresca di stagione, una fonte proteica

 

Tale schema varai ovviamente in base al fenotipo dell’atleta, ai suoi allenamenti. Occorre pianificare con precisione le quantità glucidiche e proteiche, lavoro che solo un professionista del settore può svolgere al meglio.

VN:F [1.9.22_1171]

Quanto ti e` stato utile questo articolo?

Rating: 0.0/10 (0 votes cast)

lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here